Il ritorno di Renzo all’Auditorium dei Castelli Romani

…C’era una volta o forse c’è ancora da qualche parte in quei posti quasi impossibili da trovare, un Regno incantato chiamato Fantàsia: il Regno delle Fiabe. La dolce Regina custodiva il dono della fantasia che donava ai più meritevoli uomini per scrivere fiabe sempre nuove… ma un giorno il perfido Mago Nebulos avido di potere catturò la Regina, impadronendosi della fantasia, trasformando Fantàsia in un mondo immobile di pietra. L’unica speranza di salvezza per Fantàsia erano tre fatine ed un ragazzo molto speciale…

Chi di voi si ricorda di Renzo?

Domenica 27 Marzo all’auditorium dei Castelli Romani è andato in scena lo spettacolo “Renzo e il Regno di Fantàsia“, scritto da Daniel De Rosa e messo in scena dalla compagnia SoloCoseBelle che ha dovuto affrontare il pubblico più difficile ma più gratificante: i bambini! 

I quattro attori Campani sono riusciti a coinvolgere perfettamente, con i loro sketch, sia grandi che piccini. 

Una favola dinamica, divertente ed educativa amata da chiunque: Renzo, un giovane senza lavoro caratterizzato da una voglia sul braccio molto speciale, interagisce costantemente con i bambini chiedendo loro di aiutarlo a risolvere situazioni “complicate” che capitano nel corso dello spettacolo, i bambini, dunque, si sforzano nel trovare soluzioni e incalzano il protagonista a fare le scelte più giuste. 

Lo spettacolo è accompagnato costantemente da filastrocche e canzoncine in grado di rimanere impresse nella testa dei più piccoli, un modo intelligente per creare una legame tra gli spettatori e gli attori. 

Ma questo non è uno spettacolo come tutti gli altri: gli attori sorprendono il pubblico con entrate di scena direttamente dalla platea ed i personaggi si trovano a conversare con i bambini faccia a faccia, così da creare con loro una vera e propria connessione. 

Ma non temete, il percorso di Renzo e il Regno di Fantàsia non finisce qui, questo è solo l’inizio: sono previste altre messe in scena… siete pronti?  

Luisa Natalucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi Articoli